Costituzione intelligente

Blog

Dopo numerose consultazioni personali i nostri giuristi, fiduciari e consulenti hanno potuto conoscere da vicino quali sono le maggiori preoccupazioni nelle teste dei neoimprenditori. Le risposte alle domande più comuni le potete trovare sul nostro blog. Sul blog potete navigare tra i vari argomenti scegliendo il vostro tema preferito dalle diverse categorie.

Sospensione parte II – Le domande più frequenti sulla sospensione

La sospensione è uno strumento popolare per i datori di lavoro per proteggere i loro interessi, ma lascia molte domande senza risposta. Scoprite le risposte alle domande più frequenti sulla sospensione.

sospensione

Le domande più importanti sulla sospensione

Nel caso di una sospensione, il datore di lavoro rinuncia volontariamente al diritto al lavoro del dipendente per la durata del regolare periodo di preavviso, mentre allo stesso tempo è obbligato a continuare a pagare il salario del dipendente. Il congedo non è regolato dalla legge. Tuttavia, la pratica giudiziaria e la dottrina forniscono risposte alle domande più importanti sul congedo. 1.

1. Quale stipendio sarà pagato durante la sospensione?

Durante la sospensione, il salario deve essere pagato come se il dipendente eseguisse il lavoro. Di conseguenza, è dovuto l’intero salario, che include componenti variabili oltre al salario di base. Commissioni, mance o spese forfettarie, per esempio, devono essere aggiunte al salario di base. Le spese dipendenti dall’attività non sono dovute. Contrariamente a questa regola, le parti possono concordare nell’accordo di rilascio di omettere le componenti variabili del salario.

2. Qual è la portata della sospensione?

In pratica, i datori di lavoro rinunciano regolarmente all’intera prestazione lavorativa del dipendente. Tuttavia, è anche concepibile che l’obbligo di lavorare sia ridotto a certe attività o che il dipendente debba essere reperibile. Si raccomanda che le parti regolino la portata nell’accordo di sospensione.

3. Il dipendente ha diritto all’impiego?

Finché la sospensione non viola alcun obbligo di diritto del lavoro, il datore di lavoro è in linea di principio libero di rinunciare completamente al diritto al lavoro del dipendente. Quest’ultimo non ha quindi alcun diritto all’impiego. Il diritto al lavoro è affermato solo per quei tipi di professioni che sarebbero negativamente influenzate dall’inattività. Questo è il caso, per esempio, dei chirurghi o degli atleti professionisti, poiché è importante che le loro abilità rimangano utilizzate quotidianamente.

4. Le vacanze sono compensabili?

Una delle domande più comuni sulla sospensione è se le ferie in sospeso sono compensate. In questo contesto, il Tribunale Federale ha stabilito che i crediti per le vacanze sono decaduti per compensazione in caso di sospensione se il periodo di sospensione supera notevolmente il diritto alle vacanze. Questa regola si applica anche se il datore di lavoro non ordina esplicitamente al dipendente di prendere giorni di ferie durante il periodo di sospensione. Oltre alla giurisprudenza del Tribunale Federale, anche il Tribunale del lavoro di Zurigo ha stabilito una regola empirica secondo la quale il periodo di sospensione per compensazione deve essere almeno tre volte più lungo del diritto alle ferie in sospeso.

Tuttavia, queste regole del tribunale non sono assolutamente applicabili, ma devono essere esaminate in relazione al singolo caso. La compensazione non può essere giustificata se il periodo di sospensione non ha il carattere di una vacanza. Questo può essere perché il dipendente deve essere di turno o il tempo libero è necessario per cercare un lavoro. I giorni di ferie non correlati devono essere pagati dal datore di lavoro dopo la scadenza del periodo di preavviso ordinario.

5. Gli straordinari devono essere compensati?

Il datore di lavoro non ha il diritto di ordinare unilateralmente la compensazione dello straordinario. Pertanto, affinché gli straordinari in sospeso siano compensati dalla sospensione, è necessario il consenso del dipendente. A meno che non sia stato concordato diversamente, il dipendente può insistere per il pagamento dello straordinario, di solito soggetto a una maggiorazione del 25 per cento.

6. Le risorse aziendali possono continuare ad essere utilizzate?

Quando si prende una sospensione, il datore di lavoro di solito richiede la restituzione delle risorse aziendali come il telefono aziendale o l’auto aziendale. Se il dipendente non è più tenuto a svolgere alcun lavoro durante il periodo di sospensione, questa procedura è generalmente ammissibile. Va notato, tuttavia, che qualsiasi uso privato concordato può essere qualificato come remunerazione in natura e quindi rimane dovuto per la durata del congedo. Per evitare conflitti, i datori di lavoro di solito permettono l’uso continuato delle risorse aziendali fino alla fine del periodo di preavviso ordinario.

7. Il rapporto di lavoro è esteso in caso di malattia o incidente?

I periodi di blocco previsti dal diritto del lavoro si applicano anche nel caso di una sospensione. Di conseguenza, il rapporto di lavoro può essere esteso anche durante il periodo di congedo per malattia o infortunio. In questi casi, il dipendente deve informare immediatamente il datore di lavoro della durata prevista dell’assenza, in modo che il datore di lavoro possa calcolare l’estensione del rapporto di lavoro. La questione se l’obbligo del datore di lavoro di continuare a pagare i salari continui ad esistere deve essere considerata separatamente. In questo contesto, il tribunale del lavoro di Zurigo ha stabilito che il dipendente deve offrire nuovamente la sua prestazione lavorativa al datore di lavoro dopo un prolungamento del periodo di preavviso di un periodo di blocco, se non si vuole perdere il diritto al salario. In ogni caso, il datore di lavoro può avere la possibilità di ritirare la sospensione. In pratica, queste domande sono raramente importanti, poiché l’obbligo di continuare a pagare i salari è di solito coperto dall’assicurazione d’indennità giornaliera.

8. Posso accettare un altro lavoro durante la sospensione?

Per i dipendenti, una delle domande più importanti sulla sospensione è se possono prendere un altro lavoro. Se il dipendente è stato rilasciato incondizionatamente, è generalmente possibile accettare un altro lavoro mentre il periodo di preavviso è ancora in corso. Va notato, tuttavia, che il dipendente deve tenere conto di qualsiasi guadagno aggiuntivo. L’assunzione di un lavoro retribuito durante il periodo di sospensione riduce quindi l’obbligo del datore di lavoro di continuare a pagare il salario o può addirittura eliminarlo del tutto. A causa del suo dovere di lealtà secondo il diritto del lavoro, il dipendente deve informare il datore di lavoro sull’attività intrapresa e gli altri guadagni. Per evitare controversie, è consigliabile regolare la gestione dei guadagni aggiuntivi nell’accordo di sospensione. Il datore di lavoro è libero di rinunciare all’imputazione.

Avete un’idea innovativa che vorreste implementare? Gli esperti di STARTUPS.CH saranno lieti di accompagnarvi verso l’indipendenza professionale!

Inizia come Mompreneur: www.mom-preneur.ch

Inizia come Dadpreneur: www.dad-preneur.ch

Inizia come Seniorpreneur: www.senior-preneur.ch

Inizia come Youngpreneur: www.young-preneur.ch

» Contattaci per un colloquio personale» Calcola un’offerta e costituisci ora
Nuovo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *