Costituzione intelligente

Blog

Dopo numerose consultazioni personali i nostri giuristi, fiduciari e consulenti hanno potuto conoscere da vicino quali sono le maggiori preoccupazioni nelle teste dei neoimprenditori. Le risposte alle domande più comuni le potete trovare sul nostro blog. Sul blog potete navigare tra i vari argomenti scegliendo il vostro tema preferito dalle diverse categorie.

Influencer Marketing: anche le Beauty Queens devono pagare le tasse

Quella che nel mondo analogico è conosciuta come propaganda del passaparola, online si chiama Influencer. Soprattutto grazie alla loro forte presenza sui social media (Facebook, Instagram, YouTube, ecc.) e alla loro alta credibilità tra i follower, gli Influencers sono un modello promettente per fronteggiare gli ad-blockers e le inondazioni pubblicitarie in generale.

L’Influencer marketing è una disciplina del marketing online in cui le aziende coinvolgono specificamente gli opinion leader – persone con un’alta reputazione, influenza e portata online – nella comunicazione del loro marchio. Con il termine Influencer vengono descritti degli attori del social web che attraverso la produzione e la divulgazione di contenuti, così come l’interazione con i loro followers, hanno stabilito un numero elevato di relazioni sociali e un’influenza sui loro followers. Le aziende utilizzano la loro reputazione e il loro raggio di azione per conseguire gli obiettivi di comunicazione e di branding. Gli influencer di successo godono di autorità sociale e affidabilità. Dimostrano passione, si comportano in modo coerente, sono motivati e tecnicamente competenti. Sono riconosciuti come esperti e sono modelli di fiducia nella loro comunità, le cui opinioni e raccomandazioni sono prese in considerazione. Ciò consente loro di influenzare positivamente la percezione dei marchi e la vendita dei prodotti.

La bella apparenza deve essere tassata

Il fatto che gli influencer si presentano con prodotti costosi e marchi noti non solo per il mantenimento del loro profilo online è diventato chiaro dal momento che alcuni influencer sono stati in grado di guadagnarsi da vivere con questo. Ma che dire degli inviti in hotel costosi e dell’accettazione di prodotti costosi? Si tratta di un reddito imponibile?

Se gli influencer ricevono prodotti gratuiti dalle aziende, che si tratti dell’ultimo smartphone, di una mountain bike o di un viaggio gratuito in una destinazione turistica alla moda, questo ha implicazioni fiscali. In linea di principio, tutte le prestazioni in denaro e non monetarie dovute al contribuente sono considerate come reddito e sono quindi imponibili. Una tale prestazione in natura è esente da imposte solo se è espressamente prevista dalla legge (art. 16.03 DBG / art. 24 DBG). I prodotti e le prestazioni gratuite non costituiscono invece un regalo (art. 24a DBG), poiché il regalo ai sensi dell’art. 239 CO è un contratto con il quale il donatore si impegna a fornire al destinatario un servizio dal proprio patrimonio immediatamente o in futuro senza corrispettivo corrispondente. Questi prodotti e servizi gratuiti devono essere sempre valutati al valore di mercato e rappresentano quindi un reddito imponibile.

L’obbligo fiscale sussiste quasi sempre

Se un influencer viene remunerato per un’immagine o un post di un blog di un’azienda con un importo negoziato, esso costituisce un reddito imponibile per l’Influencer residente in Svizzera, indipendentemente dal fatto che egli riceva tale remunerazione da una società svizzera o estera. Non importa se il risarcimento viene pagato in franchi svizzeri, in valuta estera o addirittura in una valuta criptata (ad es. Bitcoin).

Si può assumere che la maggior parte degli influencer si consideri un lavoratore autonomo. Tuttavia, questa autovalutazione viene verificata dall’AVS in Svizzera. L’influencer deve quindi dimostrare all’AVS di esercitare un’attività indipendente. L’esperienza ha dimostrato che spesso non è facile per la cassa di compensazione AVS riconoscere il lavoro autonomo. La nuova forma di lavoro dell’influencer, moderna e non convenzionale, non facilita certo il riconoscimento dell’AVS come lavoratore autonomo. Se, in qualità di imprenditore, ingaggiate un influencer e lo ricompensate in contanti o in natura, dovete assicurarvi di ottenere il certificato AVS adeguato per il lavoro autonomo del vostro committente. In caso contrario correte il rischio che questa indennità venga classificata come salario alla prossima ispezione AVS – e che l’AVS vi addebiti la parte del datore di lavoro e quella del dipendente.

Dal punto di vista dell’AVS, un influencer è indipendente se lui o lei:

  • con il nome di una società,
  • sostiene il proprio rischio economico,
  • è in grado di scegliere liberamente la sua organizzazione aziendale e
  • lavora per diversi clienti.

Avete un’idea innovativa che vorreste implementare? Gli esperti di STARTUPS.CH saranno lieti di accompagnarvi verso l’indipendenza professionale!

» Contattaci per un colloquio personale» Calcola un’offerta e costituisci ora
Nuovo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *