Costituzione intelligente

Blog

Dopo numerose consultazioni personali i nostri giuristi, fiduciari e consulenti hanno potuto conoscere da vicino quali sono le maggiori preoccupazioni nelle teste dei neoimprenditori. Le risposte alle domande più comuni le potete trovare sul nostro blog. Sul blog potete navigare tra i vari argomenti scegliendo il vostro tema preferito dalle diverse categorie.

Bitcoin come mezzo di pagamento

Sempre più imprenditori accettano le valute criptate come mezzo di pagamento. Vi mostriamo se le valute criptate private sono mezzi di pagamento e in quali casi potete pagare con esse. Ci occuperemo principalmente della valuta “Bitcoin”.

Bitcoin come denaro in senso economico

Il denaro in senso economico ha una funzione di mezzo di scambio, di riserva di valore e di unità di conto.

Gli oggetti che possono essere suddivisi in pezzi più piccoli e facilmente trasferibili sono adatti come mezzi di scambio. Attualmente i Bitcoin possono essere divisi fino all’ottavo decimale. Le valute criptate sono facilmente trasferibili ad altre persone con un semplice clic del mouse. A seconda della valuta crittografica, esiste un potenziale di ottimizzazione solo in termini di velocità di trasmissione. In linea di principio, il Bitcoin è molto adatto come mezzo di pagamento.

Una riserva di valore serve a preservare i beni. Il denaro del governo non sempre soddisfa questo scopo. Nella storia economica ci sono stati innumerevoli casi di inflazione monetaria. Ad esempio, i prezzi in Ungheria sono triplicati ogni giorno nel 1945. Il Bitcoin è più stabile da questo punto di vista rispetto alla valuta ungherese dell’epoca. Tra settembre 2017 e luglio 2020, il tasso di cambio ha oscillato solo tra i 3’800 e i 19’000 franchi circa, il che equivale all’incirca alla fluttuazione del Pesos argentino, sebbene quest’ultimo si sia spostato solo verso il basso. Rispetto alle valute stabili come il franco svizzero (CHF), queste fluttuazioni sono molto elevate. Tuttavia, rispetto alle valute instabili, il Bitcoin è un deposito di valore stabile.

Il denaro ha una funzione di unità di conto. Serve come punto di riferimento per il lavoro salariato, i beni e i servizi. Anche i Bitcoin svolgono questa funzione. Tuttavia, il problema dell’elevata volatilità deve essere nuovamente preso in considerazione.

La maggior parte degli economisti è quindi dell’opinione che il Bitcoin sia adatto come mezzo di pagamento in senso economico. Vi mostriamo ora il quadro giuridico per il traffico dei pagamenti.

Bitcoin come denaro in senso legale

In senso giuridico, le monete criptate non sono né denaro né oggetti fisici ai sensi dell’art. 641 e segg. del Codice civile. La dottrina prevalente è dell’opinione che le criptovalute non possono essere incluse in un costrutto esistente. La maggior parte degli esperti è del parere che si tratti di una sorta di dati di valore. Tuttavia, alcuni articoli di legge possono applicarsi alle valute criptate. Di seguito ve ne mostreremo alcuni.

Mezzi di pagamento ammessi secondo il CO

Secondo l’art. 84 cpv. 1 del Codice delle Obbligazioni (CO), in Svizzera i debiti pecuniari devono sempre essere pagati nella valuta legale, ossia in CHF. Se il debito è denominato in valuta estera, il pagamento può comunque essere effettuato in CHF, a meno che non sia stato effettivamente concordato un pagamento letterale in valuta estera (art. 84 cpv. 2 CO). Dal punto di vista svizzero, le valute estere sono mezzi di pagamento che non hanno corso legale in Svizzera, ma che hanno corso legale in un altro Paese. Tuttavia, poiché il Bitcoin non ha corso legale in nessun paese del mondo, non è legalmente da considerare una valuta estera.

In caso di rivendicazione su Bitcoin, il debitore non è autorizzato a pagare in CHF. Pertanto, un debito in Bitcoin può essere pensato come un debito in altre materie fungibili, come ad esempio le viti. Se si acquistano 10 viti, il venditore può pagare solo 10 viti, ma non l’importo corrispondente.

Nel caso di un credito in denaro, il creditore può autorizzare il debitore a pagare un’altra valuta o anche un altro bene. Il creditore può quindi accettare anche Bitcoin invece di CHF. Ciò è possibile grazie ad un’esplicita autorizzazione o può anche essere il risultato delle circostanze. Se la parte contraente menziona un conto Bitcoin sulla carta intestata della fattura, si può presumere che accetti i Bitcoin come mezzo di pagamento.

Fatturazione

I crediti pecuniari o altre prestazioni identiche nel loro oggetto possono essere compensati tra loro ai sensi dell’art. 120 cpv. 1 CO. I CHF possono essere compensati con le valute estere. Tuttavia, poiché il Bitcoin non è da considerarsi denaro in termini legali, un credito in CHF non può essere computato con un credito in Bitcoin. Se i crediti sono denominati nella stessa valuta criptata, sono uguali per oggetto e possono quindi essere compensati. Il Bitcoin può essere computato con il Bitcoin. Tuttavia, il Bitcoin non può essere computato ad altre valute crittografiche come, ad esempio, l’Ether perché non sono le stesse.

  • CHF con EUR: possibile
  •  CHF con Bitcoin: non possibile
  •  Bitcoin con Bitcoin: possibile
  • Bitcoin con Ether: non possibile

Obbligo di pagare il salario in base al diritto del lavoro

Secondo l’art. 323b cpv. 1 CO, il salario deve essere pagato in CHF, salvo accordi diversi o consuetudini. Può essere ammesso un cosiddetto pagamento in natura, cioè un salario non monetario. Un pagamento di salario in Bitcoin sarebbe un salario in natura. Tuttavia, un salario puro in natura non sarebbe ammissibile se il dipendente non potesse guadagnarsi da vivere con esso. Se il prezzo della valuta scende, il dipendente dovrebbe lavorare gratuitamente. Ciò costituirebbe una violazione dell’obbligo di pagare il salario e del dovere di diligenza del datore di lavoro. Pagare gli stipendi in Bitcoin significherebbe anche una grande fluttuazione. Se, in media, il dipendente riceve ancora uno stipendio ragionevole per il suo lavoro per un periodo di mesi, riteniamo che un pagamento di stipendio in Bitcoin sarebbe ammissibile. Al fine di evitare un possibile rischio di contenzioso, è sconsigliato pagare il salario in Bitcoin.

Altre regole selezionate dal Codice delle Obbligazione

L’obbligo di pagamento degli interessi ai sensi dell’art. 104 cpv. 1 CO vale solo in caso di mora di un debito monetario. Non vi è quindi alcun obbligo di pagare gli interessi di mora per l’insolvenza di un debito in Bitcoin. Il creditore può comunque richiedere ulteriori danni ai sensi dell’art. 106 cpv. 1 CO. Questo include, ad esempio, una perdita di valore nel caso in cui il prezzo del bitcoin scenda dopo il verificarsi della mora.

Oltre al denaro, un prestito può essere anche per beni fungibili (art. 312 CO). Pertanto, uova, viti, ecc., così come i Bitcoin possono diventare oggetto di un prestito.

Consigli pratici

Se si vuole essere in grado di far valere i crediti in criptovalute nel modo più semplice possibile, si dovrebbe sempre concordare contrattualmente che invece dei crediti in criptovalute si può anche richiedere il loro equivalente in denaro. Questo dovrebbe includere un riferimento al tasso di cambio applicabile. Inoltre, chiunque voglia poter esigere interessi sui debiti in criptovaluta in caso di inadempienza del proprio creditore deve concordare contrattualmente questo punto.

Conclusione

Dal punto di vista economico, i Bitcoin sono considerati un mezzo di pagamento. Tuttavia, nel diritto monetario svizzero non sono riconosciuti come mezzi di pagamento. La natura giuridica di Bitcoin non è stata ancora completamente chiarita. Come spesso accade, la tecnologia è più avanti della legge. Tuttavia, le norme giuridiche esistenti in materia di Codice delle Obbligazioni possono essere applicate alle valute criptate senza problemi.

Non ci sono ancora state decisioni giudiziarie sulle valute criptate in questo contesto. Pertanto, un tribunale può, in qualsiasi momento, decidere diversamente da quanto qui spiegato.

Avete un’idea innovativa che vorreste implementare? Gli esperti di STARTUPS.CH saranno lieti di accompagnarvi verso l’indipendenza professionale!

» Contattaci per un colloquio personale» Calcola un’offerta e costituisci ora

Nuovo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *